ROCKS GARDENS DESIGN

PAGINE UTILI

L'ACQUA

L'ARREDO

DICONO  DI NOI

SEGUICI SUI SOCIAL

Rocks Gardens Design è un punto di riferimento per progettazione e costruzione professionale di giardini, parchi e piscine scenografiche. Giardini rocciosi, vialetti in pietra, scale in pietra naturale, viali carrai in pietra, arredo giardino, piscine effetto spiaggia e altre soluzioni verdi caratterizzano lo stile e il design di Rocks Gardens Design.

CONTATTI

Via Galvani 10, 21020

Mornago (VA)  

+(39)  389-4823177    

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Houzz Icona

I NOSTRI PARTENER

logo essenze di luce nero.png

Sito web esclusivo di : www.rocksgardensdesign.com

Rocks Gardens Design © 2017 2018 All Rights Reserved   |   Privacy Policy - Cookie Policy

La Roccia dell'elefante

May 22, 2017

 

La Roccia dell'elefante è un grosso masso di trachite situato a lato della strada statale 134 dell’Anglona, poco fuori Castelsardo. L’origine di questa roccia è abbastanza singolare: faceva parte del complesso roccioso del Monte Casteddazzu, in seguito staccatosi e rotolato a valle a margine della statale. A seguito di un processo erosivo la roccia ha assunto, sin da epoca antichissima e nell’immaginario collettivo, l’aspetto simile ad un pachiderma primordiale con la proboscide rivolta verso la strada.

La Roccia dell'Elefante è conosciuta anche con il nome di Sa Pedra Pertunta, la roccia traforata, con evidente richiamo alle sue forme particolari. Al suo interno sono state scavate, in tempi successivi e su quote diverse, due domus de janas di epoca neolitica.

La tomba del piano superiore (o tomba II) è priva dell'ingresso che immetteva alle altre tre cellette comunicanti, mentre quella del piano inferiore (o tomba I) si compone di quattro celle, ed era, in origine, preceduta da un breve corridoio a cielo aperto (dromos) di cui restano poche tracce.

Quest'ultima è caratterizzata dalla presenza, all'interno di uno dei vani, di corna bovine scolpite nelle pareti. Le protomi bovine, o le semplici corna, che spesso compaiono scolpite nelle pareti delle domus de janas, probabilmente rappresentavano una divinità taurina, un Dio venerato per la sua forza e legato al concetto di rigenerazione che nell'antichità si accompagnava sempre a quello della morte.

Oltre all'iconografia dell'elemento maschile (la protome taurina), è importante notare che nel vano della tomba I sono presenti i segni dell'ideologia funeraria prenuragica tesa a riprodurre gli elementi architettonici della casa dei vivi, quasi a significare uno stretto legame di continuità fra l'esistenza terrena e il mondo dei morti. Tutti questi elementi sembrano caratterizzarla la cella come vano cultuale, destinato probabilmente allo svolgimento dei riti funerari dei parenti, mentre i defunti venivano deposti nelle celle successive.

 

 

Please reload

Post in evidenza

L’ultima moda all'insegna del riciclo, piscine ricavate dai container navali..

February 22, 2019

1/10
Please reload

Post recenti

August 16, 2019

June 10, 2019

Please reload

Seguici
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Basic Square
  • Houzz Icona sociale
  • Google+ Basic Square
  • Twitter Basic Square