ROCKS GARDENS DESIGN

PAGINE UTILI

L'ACQUA

L'ARREDO

DICONO  DI NOI

SEGUICI SUI SOCIAL

Rocks Gardens Design è un punto di riferimento per progettazione e costruzione professionale di giardini, parchi e piscine scenografiche. Giardini rocciosi, vialetti in pietra, scale in pietra naturale, viali carrai in pietra, arredo giardino, piscine effetto spiaggia e altre soluzioni verdi caratterizzano lo stile e il design di Rocks Gardens Design.

CONTATTI

Via Galvani 10, 21020

Mornago (VA)  

+(39)  389-4823177    

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Houzz Icona

I NOSTRI PARTENER

logo essenze di luce nero.png

Sito web esclusivo di : www.rocksgardensdesign.com

Rocks Gardens Design © 2017 2018 All Rights Reserved   |   Privacy Policy - Cookie Policy

Salice piangente: perché si chiama così?

March 13, 2017

E’ facile trovare il salice piangente nella nostra Penisola: la pianta, che rientra nella famiglia delle salicaceae, viene utilizzata prevalentemente per scopi ornamentali sia per decoro urbano che domestico con un effetto davvero gradevole alla vista grazie alla posizione che assume il suo fogliame.

La pianta può raggiungere una notevole altezza (in media si attesta sui 10 metri, ma si registrano anche salici piangenti che toccano i 25 metri altezza), e si presenta con un tronco spesso ma non molto alto. Caratteristica più evidente del salice piangente è la sua chioma che si presenta molto ampia e con una caratteristica forma ovale. La forma della chioma nasce grazie alle ramificazioni allungate che puntano verso il terreno e alimentano delle foglie verdi brillanti dalla forma allungata. Questa descrizione dà bene l’idea di come la pianta sembri quasi proiettarsi verso il terreno e possa quindi essere paragonabile a delle lacrime che scivolano sul viso. Sono diverse le storie e le leggende che ruotano attorno a questa caratteristica forma. E’ di origine cristiana la storia che racconta di come Gesù stesse salendo il calvario con il volto pieno di lacrime, sudore e sangue per colpa della croce pesante che trascinava e della corona di spine che gli era stata adagiata sul viso. Mentre la madre Maria e altre donne del paese lo seguivano addolorate e gli uccelli si allontanavo dal Cristo, lui cadde a terra distrutto dalla stanchezza sotto lo sguardo compassionevole delle donne e minaccioso di un paio di soldati che gli intimarono di alzarsi subito. A causa della stanchezza e del dolore Gesù si aggrappo ad una pianta che si trovava proprio accanto a lui e leggenda narra che questa pianta di fatto per aiutare Gesù avrebbe spinto in basso i propri rami come per tendere una mano al Salvatore. La forma caratteristica è quella che ancora oggi caratterizza il salice piangente. Partendo da questa leggenda, il cristanesimo da associato al salice piangente valori di purezza e di castità.

Più pragmatici invece i celtici, ai quali tra l’altro spettano i natali del nome “salice”, ovvero vicino all’acqua. Essi di fatto interpretavano il salice piangente come una divinità capace di controllare e moderare i cicli lunari. Al salice piangente vengono accostati anche dei poteri terapeutici. la pianta infatti sarebbe caratterizzata da una alta concentrazione di acido salicico, una sostanza che di fatto sarebbe alla base dell’aspirina e avrebbe effetti antiinfiammatori, antireumatici, antidolorifici, antipiretici. Consapevoli di queste proprietà i nostri avi utilizzavano dei decotti preparati proprio con le foglie di questa pianta. Diffusi erano anche i pediluvi rilassanti e sgonfianti.

 

Please reload

Post in evidenza

L’ultima moda all'insegna del riciclo, piscine ricavate dai container navali..

February 22, 2019

1/10
Please reload

Post recenti

August 16, 2019

June 10, 2019

Please reload

Seguici
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Basic Square
  • Houzz Icona sociale
  • Google+ Basic Square
  • Twitter Basic Square