Il miglior periodo per la costruzione di una piscina interrata

Il miglior periodo per la costruzione di una piscina interrata

Una scelta comunemente trascurata

Si sa che le decisioni importanti, come la costruzione di una piscina interrata, vengono spesso prese sull’onda del comprensibile entusiasmo e, di conseguenza, con poca pianificazione. Infatti, in quanto esseri umani, notiamo le nostre esigenze e i nostri bisogni solo quando sono contingenti. Per questo quando iniziamo a soffrire il torrido caldo estivo a volte non vorremmo nient’altro che lanciarci in uno specchio d’acqua per rinfrescarci. Sulla spinta di tale condizione, cerchiamo disperatamente una soluzione: ci interessiamo e magari contattiamo un’azienda specializzata nella realizzazione di piscine. Salvo poi rimanere ingabbiati in lunghi lavori che probabilmente non potranno essere conclusi in tempo per farci godere almeno qualche ultimo tuffo estivo.

 

Una scelta apparentemente paradossale

Per questo motivo, potrà apparire un totale controsenso ma per sfruttare al massimo la stagione estiva, bisogna prevenire i nostri bisogni e programmare gli interventi per tempo. Dunque agire proprio nei mesi meno caldi.
L’autunno e l’inverno sono infatti le stagioni ideali per progettare e iniziare la costruzione di una piscina. Nonostante si sa che d’inverno il freddo regna sovrano, le giornate offrono poca luce e che nessuno si sognerebbe normalmente di fare un tuffo in piscina, una scelta del genere è la sola che ti garantirà di sfruttare al meglio questo investimento.

 

I molti vantaggi di una progettazione invernale

Come possono confermarti tutti i costruttori di piscine davvero competenti e di esperienza, affrontare il progetto piscina negli ultimi mesi dell’anno ci offre tutta una serie di cospicui vantaggi.
Infatti, innanzitutto si ha la possibilità di programmare tutti gli interventi con calma, senza una tabella di marcia rigida e stringente. Del resto, non è realistico prevedere di evitare ogni tipo di imprevisto e non mettere in conto qualche contrattempo dovuto a variabili fuori dal nostro controllo. Senza contare l’errore umano che può originarsi dalla fretta di avere la piscina pronta per il primo giorno di sole.

 

Molta meno burocrazia

Infine se la costruzione è prevista in una zona vincolata bisogna sempre tenere a mente che è necessario affrontare tutto un percorso burocratico di pratiche per il permesso di costruzione. Anche in questo caso è ben noto che le tempistiche burocratiche possono essere molte cose, ma difficilmente sono prevedibili, celeri o certe. Prendersi un po’ di agio per concludere le pratiche agli uffici e i colloqui con i tecnici per poter iniziare i lavori in tempi ragionevoli, è la migliore strategia!

 

Fatti trovare pronto per l’estate

Per questi motivi settembre, ottobre e novembre sono i mesi giusti per imbarcarsi in questa opera di grande miglioramento dei tuoi ambienti esterni. Così facendo avrai la sicurezza totale di trovarti la piscina pronta, collaudata e già perfettamente in funzione per i primi caldi di maggio e giugno. E in più potresti avere anche il tempo di completare la piscina con un bel restauro del giardino così da crearti uno scenario di puro relax davvero inimitabile!

paolo
No Comments

Leave a Comment